Swimrun: che mi metto?

Parlo tantissimo di Swimrun e puntualmente mi chiedono di spiegare meglio questa storia del nuotare vestiti.
Si, nuota con le scarpe e si corre con la muta.

La muta, parliamone.
La muta è spesso e volentieri non un optional ma una necessità.
Specialmente per quelle gare che si svolgono in Nord Europa dove l’acqua non è esattamente calda.
Ma c’è muta e muta.
Ci sono quelle da triathlonLe marche si sprecano, ci sono tantissimi modelli e la scelta non è proprio facile. Tutte però di base hanno fra le caratteristiche la cerniera posteriore.

huub muta triathlon non swimrun

 

 

 

 

 

 

 

Le mute da SwimRun sono diverse da quelle per il Triathlon e per fortuna o purtroppo la scelta è limitata.
Aziende come Orca, Head, Huub e Seal si contendono il mercato.

In che cosa differisce una muta da swimrun con quella da triathlon?

Per prima cosa con una muta da swimrun potreste dover correre per 50km.
Una cosa impensabile da fare con una muta da triathlon.

Questa vi garantirà pieno galleggiamento durante il nuoto ma il neoprene scalda presto e potrebbe creare una certa resistenza alle gambe e alle braccia.
Soluzione: potreste tagliare la muta da triathlon e usarla per lo Swimrun ma a me l’idea di spendere 400 euro e romperla non mi fa impazzire.

Le mute da SwimRun hanno sempre una cerniera frontale per facilitare la ventilazione del corpo durante la corsa.
Spesso ci sono tasche per metterci dentro i gel, bussole, occhialini di ricambio.
Poi c’è un diverso spessore del neoprene la cui distribuzione può variare e di tanto: da 1.5mm a 8mm!
1,5 millimetri intorno alle braccia e alle spalle danno flessibilità.
4-5mm sul corpo garantiscono galleggiamento
6-8mm sulla parte anteriore degli arti aumenta la galleggiabilità e aiuta soprattutto le gambe, appesantite dalle scarpe (l’avete capito che si nuota con le scarpe no?)
Fischietto: come nel trail è un accessorio obbligatorio e le mute da Swimrun spesso e volentieri lo integrano.

Colori vivaci: non fate i ninja. I colori vi rendono visibili in acqua e immagazzinano meglio i raggi solari.
Nei laghetti alpini, in Nord Europa ne avrete bisogno!

muta swimrun

Pubblicato da Orazio Spoto

Husband, Traveller and SwimRunner. Creator of TheSmartTraveller a consultancy firm with focus on in digital marketing

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: