Se gennaio è il mese dei buoni propositi. Febbraio è il mese delle prime verifiche!
Non so voi ma quest’anno non avevo buoni propositi, li trovo banali e il più delle volte generano solo ansia.
Ho quindi trasformato i miei (ex) buoni propositi in obiettivi che aggiungono al “cosa” anche l’avverbio costantemente

Ecco i miei obiettivi

a) correre più costantemente
b) mangiare costantemente meglio e meno
c) imparare e praticare costantemente una nuova lingua

Vediamo dopo il primo mese cosa è successo

correre più costantemente

Dal 2011 uso Runkeeper nella versione elite cioè a pagamento.
“Elite” permette di definire degli obiettivi e partecipare alle sfide seguendo delle tabelle di allenamento pre-impostate.
Io ho come obiettivo correre una mezzamaratona in meno di due ore entro la metà aprile.
Nella versione a pagamento è prevista anche la possibilità di visualizzare dei grafici.
L’obiettivo dei grafici è comprendere meglio i risultati ottenuti e confrontarli con altri allenamenti.
Per tenere traccia dei miei allenamenti uso il multisport Cardio Tom Tom.
Questo orologio scarica gli allenamenti su Runkeeper e mi fornisce anche la frequenza cardiaca grazie al sistema cardio integrato.
In questo modo evito l’uso della fascia.

Qualche numero

  • nel solo mese di gennaio ho corso un totale di 167 km (239,5km includendo anche le passeggiate).
  • Ho bruciato 13.832 calorie.

2015-02-01 10.25.142015-02-01 10.25.06

mangiare costantemente meglio e meno

Alla fine di dicembre pesavo 82 kg per 1.81 di altezza.

Rientravo ancora nella categoria dei normopesi ma questo al mio ginocchio non bastava.
Ho un ginocchio operato e ogni singolo kg vi posso assicurare che conta eccome.
Per questo ho deciso di mangiare meno e meglio.
Mi sono tarato su una dieta giornaliera di circa 1300 calorie ma la priorità non va alle calorie quanto al fabbisogno minimo di proteine, carboidrati e grassi.
Questo chiaramente incide sulla quantità ma soprattutto sulla qualità dei cibi.
Non ho tempo nè voglia di star dietro ai singoli alimenti, per questo ho optato per una regola chiara: evitare quanto più possibile i cibi che contengono oltre 400kcal ogni 100grammi.

Per aiutarmi ho installato Lifesum è ho acquistato la versione a pagamento (oro).
Questa versione permette di aggiungere rapidamente i cibi e di salvare alcuni alimenti preferiti.
Inoltre, se il cibo è presente nel database dell’applicazione (piuttosto vasto), oltre al contenuto calorico viene dato anche l’ammontare di proteine, carboidrati e grassi.
Che è proprio quello di cui ho bisogno.

Ad oggi peso fra i 76 e i 77kg, il mio obiettivo è non scendere sotto i 75kg.
Questo risultato è stato raggiunto con l’attività fisica più costante e impegnativa. Il controllo del regime alimentare aiuta tantissimo e in particolare mi permette di capire se sto eccedendo con i grassi a discapito delle proteine e dei carboidrati.
Come potete vedere i cibi rossi sono quelli che hanno un rapporto calorico elevato. Non è che fanno male, basta non esagerare.

lifesum

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

c) imparare e praticare costantemente una nuova lingua

Adoro quei personaggi che parlano più lingue, riescono a perfezionare il proprio accento e apprendono con rapidità i modi di dire dei locali.
Il cinema in questo caso contribuisce decisamente nel definire tali personaggi come eroi e “superuomini” a partire da James Bond passando per Jason Bourne (toh entrambi hanno come iniziale JB).
Anche per questo ho apprezzato il servizio fluentify di cui ho già parlato sul sito.
Lungi dal solo pensare che potrei essere scambiato per un madrelingua francese, ho deciso di imparare il francese.

Per farlo mi sono affidato a Babbel e in questo caso ho acquistato (ovviamente) il corso di Francese.
All’inizio era tutto molto facile, ora la storia si fa più complicata.
Mi sono dato una regola: devo fare almeno una lezione al giorno.
E’ ancora presto per dire se sto finalmente apprendendo questa lingua, ma per il momento ricordo più cose di quanto fosse successo in passato.

babbel+

in conclusione

  • le applicazioni possono aiutare per avere un diario dei progressi e delle attività
  • per i più braccini, il fatto di avere applicazioni per le quali si è dovuto pagare, può incentivarne l’utilizzo
  • quello che più di tutti aiuta è la capacità di far diventare le nostre attività, delle abitudini.
    Anche se siamo in giro per lavoro o per svago le applicazioni vengono sempre con noi e ci aiutano a non perdere la bussola!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...