Dopo Helsinki, sono stato a Vienna. Città già bella che a Dicembre, con l’atmosfera natalizia che pervade ogni angolo, diventa ancora più romantica.
Eccovi una miniguida fotografica. Se cercate itinerari classici avete valide alternative. Qui vi segnalo qualche curiosità.

City Airport Train e abbonamento

catticket

 

 

 

 

 

 

 

 

Appena arrivati prendete il CAT (City Airport Train) il treno diretto che vi porta in città. Non è il sistema più economico ma è il più rapido: 16 minuti per 12 euro. Fate l’abbonamento di 24 o 48 ore. Il biglietto giornaliero costa 7,10 Euro: soldi spesi bene.

 

Henry’s cafè

henryscafè

 

 

 

 

 

 

 

 

Il format dell’henry’s cafè.è interessante e mi piace moltissimo: prendi una ciotola usa e getta a scelta fra grande e piccola. Scegli fra 4 possibili antipasti caldi e altrettanti freddi. Pesi, paghi e mangi in uno spazio che ricorda più un appartamento che un ristorante.

 

Prater: la macchina dei selfie

IMG_2414

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Prater è il parco giochi della città, all’interno troverete delle curiose macchine: sono fatte per i selfie (cioè gli autoscatti). Vi mettete davanti, scattate e stampate. Addio alle macchine per fototessere?

 

Espresso sull’Ape
pausaespresso

 

 

 

 

 

 

 

L’espresso è stato sdoganato. A Vienna poi viaggia in Ape!

 

Pranzo da Ströck,

ströck

 

 

 

 

 

 

 

 

Si tratta di una catena di panifici, perfetti per delle soste rapide per pranzo e merenda. Economici per gli standard viennesi, moderati per le nostre tasche.

 

Stilwerk, per trovare i designer di domani

mapbagrag

 

 

 

 

 

 

 

 

Andate da Stilwerk, una catena tedesca presente anche a Vienna che vende accessori per l’arredamento e ospita alcuni giovani designer. Fra questi mi ha colpito mapbagrag che produce cover e zaini in carta trattata: leggeri e resistenti.

 

Steffl: la Rinascente di Vienna

steffls

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche se non volete fare shopping, vi consiglio una visita da Steffl. E’ sempre interessante fare una visita nel più importante grande magazzino della città.

 

Josephbrot il panificio minimal

panificio

 

 

 

 

 

 

 

 

Ok, si abbonda in carboidrati ma a giudicare dalla fila di Viennesi, qui sembra che il pane sia buono. La location poi sembra più un negozio di arredamento che un fornaio.

 

Palmenhaus: una serra per ristorante

palmenhaus

 

 

 

 

 

Se avete ancora fame, potete andare da Cena da Palmenhaus, posto caratteristico ricavato da una vecchia serra.

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...